Follow by Email

sabato 5 maggio 2018

Ambiguità

Il direttore del carcere irruppe in infermeria e si rivolse ai due ricoverati:
- "Oggi verranno dei deputati per un ispezione. Se non vi direte soddisfatti, io vi strappo via dall'infermeria e vi sbatto in cella di rigore. Anche a te - disse a uno di loro - che ti mancano pochi giorni di vita!"
Uscito il direttore, dopo poco entrò il cappellano::
-"Oggi verranno dei deputati per una ispezione. Rispondete sinceramente alle loro domande, non mentite per nessuna ragione, perché avete già tanti peccati sulla coscienza e uno in più sarebbe di troppo! Soprattutto tu, che stai per morire, non vorrai presentarti davanti al Signore con questo peccato mortale sull'anima!"
Uscito il prete, arrivarono i deputati.
- "Come va?", chiesero.
- "Anche volendo, per me, non potrebbe andare meglio", disse il moribondo.
- "Ed io non mi posso lamentare", aggiunse l'altro.

venerdì 4 maggio 2018

Strani Attrattori

Se una persona si sente irresistibilmente attratta da un'altra, a causa della predisposizione dei suoi apparati sensoriali, chiama questo "amore"; tuttavia, poiché l'attrazione può risultare così cogente da togliere persino la libertà di pensare ad altro, si sentirà come una belva catturata, e prenderà ad odiare il suo attrattore per questo.
Nella teoria del caos, esiste una cosa che si chiama "attrattore strano", che è (cito la Treccani) un "insieme di punti verso il quale evolve un sistema dinamico per tempi lunghi.Con sistema dinamico si intende in generale un sistema che evolve nel tempo e per il quale esiste una relazione tra gli stati nel tempo. L’evoluzione temporale di un sistema dinamico può essere rappresentata come una traiettoria nello spazio delle fasi, quest’ultimo definito come lo spazio i cui punti rappresentano tutti e soli gli stati del sistema".
Ebbene, l'uomo è (in fisica) un sistema dinamico, esattamente come è descritto qui; i suoi stati nel tempo/spazio sono le sue fasi di crescita evolutiva (incessanti), e l'attrattore strano dunque non è altro che la realizzazione del suo "destino", non in quanto fato, ma in quanto il destino di un bimbo è ineluttabilmente quello di diventare adulto. Così l'uomo deve chiedersi quale sia il suo destino evolutivo, e realizzarlo.
Tornando all'incipit: se si riuscisse a non odiare il proprio destino evolutivo, ma ad amarlo anche quando non si può fare altro che amarlo, questo destino non sarebbe mai doloroso come spesso diventa per l'uomo che non vuole essere tratto fuori da se stesso.

L'Attrattore Strano è bello

giovedì 3 maggio 2018

De-regulation

Rompere le regole, sebbene sia la sola cosa abbastanza adrenalinica da risultare divertente per molti, non foss'altro che per il rischio di punizioni che si corre a farlo, è il modo più certo di affermarne l'esistenza, di affermare di conoscerle, e di affermare che vi si è sottoposti e sottomessi.
Paradossalmente, solo gli schiavi possono provare la gioia di spezzare le catene, almeno fino a quando non li ripigliano.
Regole poi di chi? Chi le impone? Colui che le rompe spesso non se lo chiede: sa che ci sono ed è consuetudine (apparente) seguirle.
Ora sappiamo bene che gli unici autorizzati (più o meno esplicitamente) a non sottomettersi alle regole, sono quelli che le fanno. Rompi le regole e accetterai anche questa come regola. Perché ci sono persino organizzazioni la cui regola è che le regole debbano essere rotte, e questa è una regola che guai a romperla.
Altra cosa è ignorarla, la regola. Ma questo impone un atto di responsabilità che consiste nel darsi le proprie regole autonomamente, rispettarle in modo ferreo e coerente senza compromessi; e certo questo non è divertente.
Chi si dà le proprie regole, poi, scoprirà che alcune corrispondono a quelle imposte dall'esterno, ma che molte altre sono persino in contrasto con quelle; e quindi deve essere così determinato a non deflettere dalla propria libertà, da accettare le sanzioni per queste ultime.
No, non è divertente.


mercoledì 2 maggio 2018

Compromettersi

Sento dire che il compromesso è il bello della democrazia, o che la democrazia è l'arte del compromesso.
Siccome il compromesso è la mediazione tra due (o più) posizioni opposte, tale per cui ognuno dei mediatori rinuncia alla propria posizione, e quindi lascia tutti scontenti; e dato che ad essere scontenti non sono tanto i mediatori quanto coloro che li hanno delegati a fare qualcosa che - col compromesso - essi non faranno più, ci si rende conto quanto la democrazia, alla lunga, dimostri di finire per essere la dittatura di una minoranza costituita da delegati che tradiscono la delega, ma non scontentano certo se stessi.
Non è ipocrita parlare di democrazia? se la si confonde con il compromesso?