Follow by Email

domenica 23 ottobre 2016

La Città del Non-Dove


L’anziano mi rispose: “Noi siamo una gerarchia incorporea di solitari. Veniamo dalla Città del Non-Dove.”

“E di quale regione fa parte questa città?”

“Di quella regione per la quale il dito di un giovane non può indicare la strada.”

“A quale attività è rivolta la maggior parte del vostro tempo?”

“Sappi che il nostro Lavoro è quello della tessitura. Siamo un gruppo di trasmettitori della Parola, e il nostro è un continuo pellegrinaggio.”

Tessitore


sabato 22 ottobre 2016

L'Uni-verso non è una democrazia

“L’Universo è un Organismo e non è una democrazia.

Nella natura, biologica e cosmica, c’è una gerarchia senza privilegi che dona a ciascuno secondo i propri bisogni.

Il nucleo di una cellula è distante dagli altri, ma ha la stessa identica memoria genetica dell’intero organismo; comprende la memoria dell’individuo, della specie a cui appartiene e quella di tutto l’ambiente, inclusa la luce gialla del sole. Grazie alla memoria genetica, olografica, tutte le cellule operano in armonia con il governo che nessuno ha votato – il sistema endocrino – (Il sistema endocrino “governa” il corpo e la psiche di ogni essere, suggerendo modi senza imporre leggi e morale. L’etica è naturale per chi è in contatto con la Vita, sente e comprende i Suoi messaggi “segreti”, le emozioni e l’eros.)

Con la secrezione ormonale – che avviene ogni giorno alle prime ore del mattino – il governo dà a ogni essere umano il suo pane quotidiano e riabilita le sue funzioni. In modi diversi tutti gli organismi hanno la capacità di soddisfare i propri bisogni, tranne quelli umani. Purtroppo noi siamo afflitti dal rumore della mente minore, e non sentiamo il canto della Vita che è etica naturale.”

 

Giuliana Conforto, astrofisica

La meditazione del Fuoco


Vi propongo di fare questo esercizio:

accendete un fuoco e restate ad osservarlo (se potete, in un camino); alimentatelo, o lasciatelo consumare. Intervenite su di esso aggiungendo combustibile, o sventolando aria, o gettandovi sopra acqua … verificate cosa può far mutare colore alla fiamma … insomma sperimentatelo in tutte le possibilità …
Il Fuoco rappresenta e si comporta esattamente come l’Amore.
Fatelo in silenzio, e non lasciatelo finché non si sia spento, per vostra volontà o nonostante essa. Mentre fate questo, ricordate a voi stessi che state lavorando con l’Amore, non con un semplice fuoco. Potete farlo in compagnia di altri: allora valutate cosa accade quando più persone (due, magari) intervengono sullo stesso ‘fuoco’.

Siccome nessuno ha chiaro cosa sia l’amore, questa meditazione vi aprirà orizzonti di conoscenza inaspettati e vi svelerà cosa avete fatto, cosa fate, cosa potrete fare nei confronti dell’amore.
Sapete che questo è il Mezzo, l'etere su cui viaggia ogni cosa, quindi sapete quanto questa meditazione può insegnarvi.

Scrivetemi le vostre riflessioni su quanto avrete fatto, se volete.
 
 

lunedì 17 ottobre 2016

La resurrezione di Lazzaro


Lazzaro, appena resuscitato e uscito dal sepolcro, venne intervistato da un cronista di Tele Nazareth. Ancora intontito, disse:

“Per prima cosa sento di dover ringraziare le tre persone che hanno reso possibile questo miracolo: il mio medico, che con grande professionalità mi è stato vicino con i suoi preziosi consigli fino al mio ultimo respiro; il mio imbalsamatore, che con il suo ottimo lavoro mi ha consentito di non decompormi troppo in questi tre giorni di morte e infine il becchino che mi ha sepolto e poi dissepolto con tanta attenzione e delicatezza. La vita è un bene prezioso, buona vita a tutti i telespettatori!”

domenica 9 ottobre 2016

La menzogna, la cautela, la prudenza.

La cautela e la prudenza non sono doti dell'innamorato.
L'innamorato vive una follia. Fa cose imprudenti, non rispetta le regole, corre rischi per stare un minuto con chi ama e fare per un attimo di due, uno.
Che cosa vuole l'innamorato? Tutto.
Bisogna volere Tutto, amare Tutto così totalmente e disperatamente da commettere follie (ovvero cose inusitate), per attraversare, superare e sconfiggere la paura.
La paura è una soglia, un confine, un velo posto tra la Menzogna e la Verità. Bisogna amare per superarlo. Chi ha paura, sceglie la Verità solo se ne è innamorato; chi non ama, allora, mente per necessità.

Sorridiamone:
Psicologicamente la menzogna è una manifestazione egoistica, riconducibile sia a una difesa contro il mondo esterno (e quindi a un sentimento più o meno inconscio d'inferiorità), sia alla vanità e al desiderio di apparire diversi da ciò che ci si sente (che son poi anch'esse forme di debolezza morale). Particolarmente inclini alla menzogna sono infatti i fanciulli, i selvaggi, le donne, i vecchi, gli ammalati di corpo o di spirito. È discutibile, e risolvibile solo volta per volta, se nei casi di psiconevrosi si possa parlare di menzogna: poiché l'anzidetto criterio della consapevolezza è anch'esso un criterio di massima. [Enciclopedia Italiana Treccani - 1934]

Cautela e follia


sabato 8 ottobre 2016

L'essenza derviscia di Einstein

"L'essenza derviscia mi dice questo: non puoi diventare un derviscio.
Quindi che cosa ho da dirti io? Non puoi diventare un derviscio.
Un derviscio ha bisogno di un cuore ferito e occhi pieni di lacrime.
Deve essere docile come una pecora. Non puoi essere un derviscio.
Deve essere senza mani quando uno lo picchia. Deve essere senza lingua quando uno lo insulta.
Un derviscio deve essere senza alcun desiderio. Non puoi essere un derviscio.
Produci un sacco di suoni con la tua lingua, dici cose con un senso.
Ti arrabbi per una ragione o per un'altra. Non puoi essere un derviscio.
A causa della tua rabbia, non puoi essere un derviscio.
Se non trovi un sentiero reale, se non trovi una guida,
se la Verità non ti concede una sua parte, non puoi essere un derviscio.
Quindi, o derviscio, vieni, tuffati ora nell'oceano, così come sei.
Se non ti tuffi nell'oceano, non puoi essere un derviscio."
 
[Yunus Emre]
 
 
Darwīsh (persiano: درویش‎, darvīsh) è un'antica parola proto-iranica che appare nell'Avesta come drigu-, "bisognoso, mendicante", poi accolta nel medio-persiano come driyosh. In campo mistico il termine, più ancora che "mendicante" ha acquistato il significato di "colui che cerca il passaggio che porta da questo "basso" mondo materiale all'Altro Mondo, dal mondo manifestato a quello ancora Increato", e vive sulla soglia, alla confluenza dei due mondi; la sua funzione è di essere tramite tra loro.

 

mercoledì 5 ottobre 2016

Sole

Si racconta che il grande poeta mistico ed erudito Jalal ad Din Rumi stesse leggendo nella sua immensa biblioteca quando si presentò un mendicante che gli chiese: "Che cosa stai facendo?".
Infastidito dall'interruzione di quell'ignorante, Rumi rispose: "Qualcosa che non capisci!"
L'altro fece un gesto, e tutta la biblioteca andò improvvisamente in fiamme. Rumi, terrorizzato, chiese: "Che cosa fai?". E l'altro: "Qualcosa che non puoi capire!". E se ne andò.
Quel tale, che Rumi andò a cercare per il resto della sua vita, era il Maestro, Shams di Tabriz.
Shams significa Sole, e il Sole dà la luce, e scalda; tutti, nella misura in cui vuole. Esporsi ai suoi raggi o mantenersi nell'ombra è però una scelta.


Tabriz, ma di notte


sabato 1 ottobre 2016

Ancora su Cocoon...

A quelli che restano, la corazza serve. Servono le difese da un mondo aggressivo, violento, liberticida, in cui la follia (sia sul versante psichico che su quello organico) aumenta di giorno in giorno e sottende tutti i rapporti umani.
Per questo, chi resta, la sua corazza se la tiene stretta; ed anzi è portato a percepire come violenza il tentativo di chiunque accenni a volergliela togliere di dosso. Paradossale, ma vero.
E' per questo che la cura aggrava il malanno, e a volte scatena il malanno che la compensazione che sosteneva la corazza tende a mantenere, ma che a un tratto crolla.
Ora però tutto questo appare chiaro solo a chi, tra i vecchi, si è immerso nella piscina e ne è uscito rinnovato e rinvigorito; a tutti gli altri ciò è oscuro. Per cui, la reazione abnorme al "positivo", così inaspettatamente negativa, è incomprensibile e genera ulteriore follia (psichica e organica).
A chi parte, e lo ha deciso senza possibili ripensamenti, spetta il compito di scendere tra chi non sa e diffondere la conoscenza dell'esistenza di una possibilità. Ciò lo obbliga a stare anch'egli in mezzo alle follie del mondo: non può rifugiarsi in anticipo sull'astronave...
C'è un tempo in cui decidere di partire è ancora possibile, ed è finché l'astronave staziona sul cielo di questo pazzo mondo, e finché il pilota non decide che è ora.
Questo è un film, di molti anni fa. E' da allora che l'astronave aspetta... ogni minuto che passa avvicina il momento della partenza. Sorridiamoci su.

L'astronave di Cocoon