Follow by Email

venerdì 30 settembre 2016

Cocoon

Nell'ultima scena del film Cocoon, un'astronave staziona nel cielo in attesa di imbarcare quelli, tra i vecchi ringiovaniti dall'"acqua di vita" della piscina in cui gli alieni avevano deposto i propri "bozzoli", che hanno deciso di trasferirsi nel mondo nuovo in cui saranno sani, giovani e immortali.
Alcuni salgono le scalette dell'astronave, e altri no: hanno deciso di rimanere e di seguire il proprio destino biologico accettando l'invecchiamento e la morte.
In effetti, trasferirsi altrove significa sovvertire tale destino, introdurre un nuovo elemento nel proprio DNA, essere pionieri di una nuova razza umana.
Gli spettatori possono condividere e comprendere i sentimenti sia di coloro che partono, sia di quelli che restano; in verità, si tratta di una scelta, volontaria, ed entrambi i gruppi hanno buone ragioni per farla; nessuno è in grado di giudicare se sia più giusto restare o partire. Solo, la scelta è necessaria, giacché l'astronave sta per partire.
Ora, chi volesse obbligare chi resta ad assumere "acqua di vita", non farebbe il suo bene; e anzi produrrebbe danni gravi. A chi parte, invece, l'"acqua di vita" non solo è indispensabile, ma anche produttrice di miracolose guarigioni, del corpo e dello spirito.
La ragione per cui alcune cure, sia del corpo che dello spirito, sono diventate oggi inefficaci o, come si diceva al seminario sulla "Vigliacca paura" , persino controproducenti, è forse che esse vorrebbero a forza proporsi a quelli che... hanno deciso di restare.
Di fatto, la sensazione è oggi che l'umanità sia tutta ai piedi della scaletta dell'astronave e che si stia interrogando sul salirla o meno; nel film, a scegliere erano i vecchi che, tutti, avevano già assaggiato l'"acqua di vita" e che sceglievano consapevolmente, ma forse la maggioranza dell'umanità di cui parliamo non la ha neanche mai assaggiata e non sa quindi spiegarsi la ragione della presenza dell'astronave, né sa che gli si chiede di scegliere e tra che cosa.
La questione è che la non scelta (a cui questa ignoranza conduce) equivale - di fatto -  alla scelta di rimanere.

La piscina di Cocoon, acqua di vita


sabato 24 settembre 2016

Narrazioni

- "So di un tale, molto povero, che è anche perseguitato dalla sfortuna. Un giorno uscì per andare a raggranellare qualche soldo, ma fu colto da un tale temporale che si inzuppò tutto. Per ripararsi entrò in un negozio e sentendosi in imbarazzo comprò una cosa qualsiasi: un biglietto della lotteria. Ebbene, quel biglietto vinse un premio minore, ma sufficiente per dargli un po' di respiro; però la sua sfortuna volle che l'inzuppatura gli procurasse una polmonite e tutta la vincita se ne andò per curarla..."
- "Sì, io conosco quel tale e so di questa storia... Ma lui racconta di essere un uomo molto fortunato e di essere in grazia di Dio, tanto che non gli manca mai nulla; dice che - essendosi preso una polmonite e non avendo soldi per curarla - Dio volle che vincesse la somma giusta alla lotteria, costringendolo a comprare un biglietto che, se non fosse piovuto a dirotto, non avrebbe mai pensato di comprare..."

La differenza tra una vita felice ed una infelicissima dipende dalla narrazione che ciascuno ne fa a se stesso; così come quella che chiamiamo realtà o verità, che non è altro che il frutto della interpretazione immaginaria di ciò che è, invece, davvero Realtà e Verità, e che sta "dietro" ogni evento.
Non cesso di raccontarmi che qualcuno, prima o poi, finirà per capirlo e vorrà parlarne...

www.pholeterion.it

Narrazioni trasformanti


giovedì 22 settembre 2016

Mele

Mio nonno raccontava questa parabola a me bambino:
Veniva portato a tavolo un cesto di mele. Uno dei commensali subito afferrava la più bella, grossa, lucida e rossa. Il suo vicino, con una smorfia di insofferenza, non poteva fare a meno di biasimarlo: "Gettarsi così voracemente sulla più bella mela..."
"Perché - diceva il primo - tu, invece, cosa avresti fatto?"
"Beh, ne avrei scelta una più piccola, mediocre, meno appariscente..."
"Ebbene, perché ti lamenti? Te le ho lasciate tutte."

Ogni mela è frutto di un seme, e ne ha altri al suo interno. Ed ogni mela ha il dovere di sviluppare le potenzialità del seme da cui ha avuto origine fino ad esprimerle tutte. Con ciò essa sarà la mela perfetta, l'essenza di ogni possibile mela a venire, di cui conterrà il seme ricco di tutte le potenzialità della mela assoluta.
Lo stesso è per l'uomo. Esiste l'Uomo Perfetto, anche se solo come espressione di tutte le potenzialità dell'Essere (e non dell'animale) umano. A ogni uomo spetta il dovere di realizzarle.
Si dice, in alcuni antichissimi cammini che conducono a tale realizzazione, che Dio si nutra dell'uomo, come noi delle mele; e che scelga di nutrirsi dell'uomo migliore e più realizzato, come quell'accorto commensale della mela più grossa .
C'era una esortazione, in quel cammino: rendetevi cibo buono al palato di Dio! Chi mangerà le mele piccole, stentate, poco mature ed aspre? Di solito, in passato, si davano agli animali, ed infatti sono il cibo dell'animale (e non dell'Essere) umano.



Un cesto di mele


mercoledì 14 settembre 2016

Tesori


Un tale scavava alla ricerca di tesori. Trovava qualche oggetto, mai di grande valore. Ma scavava, continuava a scavare con l’intenzione tutta tesa a fare la scoperta della sua vita.

A chi gli chiedeva quale fosse il suo lavoro, rispondeva: “Il cercatore di tesori!”

Dopo diversi anni di ricerca, vedendo dei contadini scavare un pozzo, si rese conto di aver messo a punto una tecnica di scavo molto più raffinata, capace di produrre in breve tempo buche ben più profonde.

Si offrì dunque ai contadini di farlo al loro posto. Gli chiesero quale fosse il suo lavoro; rispose: “Lo scavatore.” Accettarono,  e gli diedero un compenso pari al servizio reso.

Talmente rapido ed efficace si rivelò il suo lavoro, che la sua abilità divenne nota nella zona, e molti gli chiesero di scavare in profondità per loro. E lui si innamoro di quel lavoro che sapeva fare così bene; non cercava niente, scavava e basta, solo perché quello, ora, era il suo “lavoro”.

Si arricchì tanto da mettere insieme un tesoro, quello che aveva smesso di cercare; quello – soprattutto – che non desiderava più trovare, felice com'era del semplice scavare bene.
 
Un qualche tesoro

martedì 13 settembre 2016

Porte


"Il tempo si comporta così: ogni porta che si apre è un’opportunità di realizzare qualcosa, purché la si imbocchi in tempo. Ma restare a progettare cosa fare non serve più a niente, perché, quando si aprirà una porta, non sapremo se è quella giusta per realizzare la cosa che abbiamo progettato, o se è una opportunità del tutto diversa dal nostro progetto. Quindi serve essere pronti ad agire a seconda l’opportunità che si apre e nei tempi in cui essa resta disponibile. Questo ci obbliga a una attenzione costante, che non deve essere né ossessiva né ansiosa. Si chiama Presenza. Chi agisce, in questi casi, deve essere l’Essenza, che – come sappiamo – è molto veloce.

[...] Se una cosa prevista capita nel momento in cui la porta è chiusa, non serve a niente. Quindi chi vi parla dovrebbe, vedendo aperta una porta, dirvi: correte qui e venite con me, presto! Ma si sentirebbe rispondere che avete altro da fare etc. Per cui si adatta e fa sforzi disumani per far coincidere quel che si deve fare con le vostre esigenze. Però non è bello sentirsi rispondere “no” quando si chiede qualcosa, perché non lo si fa per sé, ma per la persona a cui lo si chiede." 
(Novembre 2008)
Aperte e socchiuse...

lunedì 12 settembre 2016

Rari nantes

Le rare persone che non sono intervenute al seminario dal titolo "Vigliacca paura", e che non riescono a perdonarselo, possono cercare lenimento leggendone un estratto (epurato di quanto richiede una relazione umana costituita dalla presenza fisica) attraverso il sito Pholeterion, a questa pagina, cliccando sul titolo nella sezione "eventi recenti" in fondo alla pagina.

Un prossimo incontro

C'è un prossimo incontro, il 9 Ottobre.
I dettagli sul sito www.pholeterion.it
A presto

venerdì 9 settembre 2016

Responsabilità, Dovere e colpa

Responsabilità e Dovere sono concetti opposti.
La Responsabilità è libertà; solo l'uomo libero è responsabile, perché l'uomo è libero solo se ha potenza (ovvero possibilità autonoma di agire sul mondo per modificarlo), e solo chi ha potenza ha la responsabilità di usarla bene. All'uomo libero nulla può essere imposto se non con la coercizione violenta, e senza grandi risultati effettivi. Quindi l'atto responsabile nasce esclusivamente dalla necessità interiore di compierlo.
Il Dovere è quanto viene imposto dall'esterno all'uomo reso schiavo, e prevede la sorveglianza delle sue azioni, la costrizione all''agire e la punizione in caso di inadempienza.
Per questo motivo, le società umane si fondano sul dovere, e mai sulla responsabilità.
Il senso di colpa è la introiezione del dovere, ovvero  l'aver fatto proprie le istanze vessatorie e punitive della società cui si appartiene; non ha nulla a che fare con la Responsabilità.
La colpa prevede una punizione, che lo schiavo è disposto persino ad autoinfliggersi; il mancato esercizio di Responsabilità prevede soltanto la vergogna che l'uomo libero e potente prova quando non mette al servizio ciò di cui dispone, ovvero tutto se stesso.
Conclusione: chi ha responsabilità è libero e non ha colpe.
Chi ha doveri, è schiavo, è sempre colpevole di qualcosa e perciò sempre punibile.
Un'ultima cosa: solo il Servitore è un Uomo Libero...

Franano le case: di chi la colpa?


martedì 6 settembre 2016

Centri benessere


Esistono molte opportunità, oggi, per trovare un sollievo alla psiche, o all’anima, affaticata dalle ansie, dalle paure e dalle dolorose tristezze che quella che chiamiamo in modo inappropriato “vita” ci procura. C’è ovunque un centro benessere, o una palestra, o una meditazione, o una chiesa nella quale rifugiarsi per trovare una pausa, un ristoro momentaneo, prima di tornare a quella che chiamiamo impropriamente "realtà”, e che consideriamo "dura".
Ma la vita, intesa in modo corretto, è una gestazione; e la gestazione non è per il feto una “dura realtà” dalla quale prendersi una pausa ogni tanto. Per il feto in gestazione, ogni attimo è un accrescimento, è un’acquisizione di nuovi elementi vitali, di nuove funzioni, di nuove potenze. E non vi possono essere pause di riposo. È un meraviglioso lavoro senza riposo, e una gioia persino a volte dolorosa, quando un passaggio evolutivo produce un fastidio … così è – ad esempio – quando un bimbo mette i denti. E alla fine, il passaggio periglioso, stressante, per il canale del parto, che conduce alla luce. La vita vera, è una gestazione che conduce a una nascita.
Esistono poche opportunità, oggi, per trovare un luogo (reale e virtuale) in cui poter vivere la propria vita per quello che è, ossia una gestazione. E so che quei pochi che le trovano, spesso si lamentano perché cercavano un centro benessere…, ma chi è stanco di essere vissuto dalla vita, e vuole finalmente viverla, diffida delle consolazioni momentanee, e accetta con gioia questa opportunità, se mai gli si manifesta.
 
Il bello della vita


lunedì 5 settembre 2016

Ho dovuto constatare...


«Ho dovuto constatare di persona che oggi, a voler istruire gli ignoranti e gli incolti
ci si attira solo ostilità.
Ho visto brillare in tutto il suo fulgore il fuoco infernale della stupidità e dell'aberrazione [...].

Mi sono urtato all'incomprensione di genti cieche alle luci e ai segreti della saggezza [...],
genti i cui sguardi non hanno mai oltrepassato i limiti delle evidenze materiali,
e le cui riflessioni non si sono mai innalzate al di sopra degli abitacoli delle tenebre e della loro polvere [...].

Questo soffocamento dell'intelligenza, questo congelamento delle qualità naturali,
questa ostilità della nostra epoca alla conoscenza, alla gnosi, alla spiritualità,
al bene nostro e di tutti
m'hanno consigliato infine di nascondermi a loro,
e di coltivare la saggezza e la via mistica nei ritiri nascosti e sublimi che solo i saggi conoscono.»

Sadr al Din Shirazi (1571-1627)

Forse è terminato, dopo 500 anni, il tempo del "nascondersi nei ritiri nascosti".
Forse i saggi, oggi, devono faticosamente come in un parto, venire alla Luce.

Anche di questo parleremo, molto presto, qui.

Sadr al Din Shirazi, filosofo persiano


venerdì 2 settembre 2016

La paura fa paura

La paura degli altri fa paura, perché è capace di produrre reazioni incontrollate.
E' noto quanto, poi, il panico si propaghi facilmente, come un'onda sismica.
Se fossi un complottista direi che a generare i terremoti non sono forse gli esperimenti atomici sotterranei, quando le onde di paura generalizzata delle persone: la paura è distruttiva, e chi ne ha tanta da essere preda del panico, coltiva inevitabilmente rabbia e distruttività; la sua potenza è pari a quella di un terremoto, e causa tanti morti, più di un terremoto. Ogni minuto in ogni parte del mondo.
Salam, Shalom, la Pace del cuore, a chi lo ha tremante.
Anche di questo parleremo qui.